Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Rassegna’

resistenze0127° CONFRONTO POST-SPETTACOLO 

con Massimo Zaccaria
su “La cisterna” di Salvatore Arena
presentato da “Mana Chuma Teatro” di Reggio Calabria
interpretato e diretto da Massimo Zaccaria

 

“Prima di raccontare mi chiedo perché scelgo di raccontare questa storia e non un’altra? Pinuccio anni addietro lavorava in una rimessa lavaggio. Un compagno cade dentro la cisterna al cui interno ci sono vapori di zolfo, non ha scampo così come non hanno scapo gli altri tre suoi compagni intervenuti per aiutarlo. Un Giufà pugliese contro voglia, suo malgrado. Chi è Pinuccio, cosa vuole? Vuole che il nastro del tempo si riavvolga, vuole cancellare dalla sua testa il ricordo, il senso di colpa per la morte dei suoi amici. Vorrebbe entrare nella cisterna e salvare tutti.” ( Dalla presentazione dell’autore)

 

Massimo: mi è stato chiesto da parte di Francesco di confrontarmi dopo lo spettacolo e mi sembra una cosa molto giusta confrontarsi e ascoltare i pareri di chi è di fronte,  perché il pubblico fa da testimone a ciò che sta osservando.

Angela: volevo sapere da dove nasce la scelta di questa storia che abbiamo sentito ai telegiornali. Ha avuto a che fare con i protagonisti, chi è sopravvissuto, di questa storia?

Massimo: innanzi tutto l’idea dello spettacolo, di parlare di incidenti sul lavoro, è nata davanti a un’impalcatura a Lecce con Salvo, e Salvo mi dice: “ascolta, guarda questa impalcatura: c’è una rete verde bucata, cosa ti rappresenta?” Mi rappresenta, gli rispondo in modo molto banale e generale, il mondo del lavoro. “Sì il mondo del lavoro. Ma questa impalcatura e questa rete bucata a me rappresentano che manca la sicurezza sul lavoro e un operaio può cadere, inciampare farsi male o addirittura morire.” È una tematica interessante. Per trattare le morti, in generale, bisogna andare sempre in punta di piedi. Perciò gli ho chiesto di farmi riflettere, di pensarci. Poi siccome volevo partecipare al Premio Scenario, edizione 2009: senti Salvo io ci ho riflettuto: ok. Voglio parlare delle morti sul lavoro! Ho cominciato ad intervistare tutte le categorie degli operai, tutte: dall’operatore ecologico, al fabbro, all’autista…, insomma qualsiasi categoria di lavoro. Inizialmente noi ci stavamo basando su un altro tipo di storia: non eravamo ancora convinti che cosa raccontare delle morti sul lavoro. Finché il 3 di marzo 2008 accade questa maledetta tragedia. Mi arriva un messaggio da Salvo (era di mattina me lo ricordo benissimo) che fa: “vai immediatamente a comprare Repubblica e vedi cosa c’è sulla prima pagina.” Corro prendo Repubblica e vedo: 4 operai morti (non erano ancora 5, perché l’altro era ancora in coma, erano 4 operai morti, il quinto morì il giorno dopo). La storia è questa da raccontare, raccontiamo la tragedia della Truck Center di Molfetta e da lì abbiamo avuto la base per iniziare a lavorare. Il personaggio che avete visto, Pinuccio Mazzarri non è altro che un personaggio inventato, perché comunque la scrittura de “La cisterna” si è ispirata alla tragedia della Truck Center di Molfetta e il sesto sopravvissuto sarebbe quello che racconta.Quello che si è salvato, l’ho intervistato, non si fece vedere dalle telecamere e diceva di nascosto: io ho paura, io ho para. E da lì abbiamo capito che comunque gli è mancato il coraggio ad intervenire. Però il messaggio principale di questo spettacolo è: se fossi stato al posto suo che cosa avrei fatto? Sarei intervenuto a salvare gli altri miei compagni o no? Questo spettacolo oltre a denunciare le morti sul lavoro, parla anche di precariato non solo materiale ma anche sentimentale. Un uomo che vede morire i suoi compagni sul lavoro e che non è intervenuto per paura, dopo non è più lucido, non dorme più la notte, perde la cognizione del tempo, perché comunque hai quella immagine davanti sempre costante, notte e giorno. Quindi siamo partiti con lui che si è inventato una malattia al braccio ma è bugia, è semplicemente un dolore dentro, e quindi che fa? Impazzisce, tutti lo pigliano in giro. L’unica cosa che ha per liberarsi da questo male è l’attesa del Santo: San Nicola, che gli fa il miracolo. Ma San Nicola non gli fa il miracolo, se ne va. Quindi alla fine cosa serve per liberarsi da questo male? Raccontare la verità: che sono stato un vigliacco e che ho avuto paura di salvare i miei colleghi.

Emilio: ho capito che tu hai fatto pressione su questo personaggio che effettivamente si trovava in un momento molto delicato, però secondo me non è il caso di prendersela con una persona che magari dopo tutto può fallire. Cioè il vero problema è il precariato sul lavoro o le infrastrutture che mancano e non garantiscono la sicurezza dovuta. Però credo che la domanda non debba essere per forza che cosa avresti fatto tu al posto suo perché come esseri umani siamo tutti capaci di sbagliare… Poi anche la nube tossica che fuoriesce improvvisamente da una cisterna è comunque  un evento molto spaventoso, molto allarmante. Insomma è facile che una persona vada in crisi. Però ciò nonostante ho apprezzato molto lo spettacolo. Ho notato anche che nella prima parte le tematiche sono anche un po’ diverse, tant’è che mi ero immaginato una morale diversa perché all’inizio ho visto una persona che, certo, è schiava (si scopre dopo che è schiava del rammarico, dei rancori di ciò che è successo), però effettivamente è resa schiava da tutta una serie di situazioni: famigliare, sociale, di lavoro. Addirittura quest’uomo si illude di lavorare in un parcheggio, giusto?

Massimo: racconta che ha lavorato nel parcheggio: è stato il suo primo mestiere.

Emilio: io forse non ho capito bene la linea temporale degli eventi. Credevo di aver capito che quest’uomo “lavorasse”…

Massimo: parla del suo passato.

Emilio: è passato, quindi è precedente all’evento della cisterna?

Massimo: lui è in una piazza.

Emilio: sta raccontando che ha lavorato anche in un parcheggio, però effettivamente contare le automobili non è proprio un lavoro.

Massimo: allora leggiti il libro: “ Cento lavori orrendi” in Inghilterra!

Emilio: ah esiste veramente?

Massimo : esiste veramente.

Emilio: io ho pensato una cosa completamente diversa, cioè che quest’uomo fosse in una situazione di squilibrio tanto da impazzire. Comunque un lavoro molto umile, molto semplice, molto sguarnito di difese anche in caso di crisi.

Massimo: ci piace mettere la fragilità.

Emilio: mi sento in qualche modo di non colpevolizzare questa persona. Tutto qua. Io per esempio se fossi stato al suo posto, non so cosa avrei fatto, però non mi sembra scontato rispondere, cioè è una situazione critica.

Massimo: è una domanda o una considerazione?

Emilio: no, è una considerazione.

Massimo: quindi non c’è bisogno di risposta.

Emilio: non è ovvio diciamo dire: “avrei fatto bene, avrei fatto male”. E’ una situazione più da compatire che una in cui c’è da immedesimarsi, secondo me.

Lavinia: io credo di aver capito che la salvezza di quest’uomo sta appunto nel confessare la verità; però è anche vero che quest’uomo, per tanto tempo, ha cercato di omettere, nascondere la verità. Poi sommando questo dolore, sul braccio, proiettando questo dolore su qualcosa di fisico, piuttosto che spirituale, anche se la coscienza comunque lo addolorava. Io non capisco perché e quando lui ha deciso di confessare a se stesso la verità. Come l’hai vissuta?

Massimo: hai visto gli insulti della piazza mi dicono “e dai, racconta come hai perso il braccio, è inutile che ci pigli in giro che sei stato sulla barca che guidavi il camion, basta”: alla fine lui non ce la fa più. La gente, la gente della “piazza”, lo sa che finge, però si diverte a prenderlo in giro: è il Giufà cretino del paese. In qualsiasi paese penso, città, luogo, troviamo questo soggetto che la gente piglia in giro, un Giufà pugliese: “divertiamoci, dai, balla, fammi vedere come balli,” perché se ne approfitta di uno che è fragile. Ci piace mettere la fragilità in scena: noi abbiamo raccontato la fragilità dell’uomo. Siamo tutti fragili. Ecco perché poi si mangia il panino, lo sputa e dice “ora vi racconta come ho perso il braccio”, è la metafora, il braccio, per qualcosa che sta dentro. Ce l’ho sempre qui allo stomaco e non riesco a buttarlo.Sì io ho sentito che è accaduta quella tragedia, mi faccio la mia idea, però è più interessante sentire chi l’ha vissuta. In questo caso la nostra storia racconta che cosa è successo veramente quel giorno.

Lavinia: quindi è come se avesse scoperchiato tutte le difese che si era creato.

Massimo: certo, è abbattere i muri, liberarti della maschera che hai. È un po’ come andare a teatro, no? Salire sul palcoscenico prima o poi questa maschera che ci costruiamo nella quotidianità bisogna buttarla ed ecco perché bisogna lavorare sulle fragilità, denudarle, denudarsi; non avere paura, timore di essere giudicato, sospendere il giudizio. Quindi bisogna dire “ok, ammetto che questi sono i miei difetti” ecco. Questo è quanto.

Lavinia: ho capito quale è stato il passaggio: si è reso conto che era tutta una presa in giro, sapeva che la gente sapeva.

Massimo: sì, però voglio dire che “tanto è il cretino, facciamolo raccontare” in effetti la sua follia si vede anche nella gestualità (abbiamo lavorato su ogni punto dello spettacolo, ogni virgola dello spettacolo, gesto, corpo). Ecco la prima cosa da cui siamo partiti è il corpo: com’è il mio corpo rispetto a questa situazione? È un classico personaggio beckettiano,ecco, classico per eccellenza.

Francesca: dal punto vista scenografico, la scelta di questi tre elementi del colore bianco, ha un significato particolare oppure no? Rappresenta la piazza punto e basta?

Massimo: hai fatto una domanda molto interessante. Io giro senza scenografia. Il mio è un teatro immediato. Stasera è capitato il bianco. Domani farò un’altra replica: non so se avrò le tre sedie marroni o…Perché il nostro è un teatro chiamiamolo povero, perché non abbiamo furgoni, non abbiamo nulla, viaggio da solo. Inizialmente l’idea di Salvo era di mettere la cosa delle feste patronali, coi lumini, la finestra, lo scalino in fondo più grande, la sedia, lo sgabello, insomma tutto ciò che riguarda la piazza. Oggi hai visto le tre sedie bianche per caso, perché Francesco ha detto “io questo ho!”. Bene mettiamole. Domani non lo so. Ci piacerebbe avere un furgone, andare in giro con la scenografia, ma quando un giorno si decideranno a sostenerci, allora sì. Ma purtroppo il nostro teatro è questo: basta poco per poter raccontare. Comunque è interessante la domanda che hai fatto, perché sì, ti fa capire che tipo di teatro facciamo , sì,  teatro immediato, si chiama teatro immediato,questo.

Alessandro: ho trovato molto interessante la prospettiva che tu hai scelto per raccontare questa storia.

Massimo: scusami ti interrompo subito. La prospettiva è di Salvatore Arena. Testo e regia sono di Salvatore Arena. Io faccio solo l’attore narrante, ci tengo a precisare, perché sembra che me la sono vista solo io, invece no, c’è stato un regista e autore che ha curato tutto quanto.

Alessandro: è interessante la prospettiva considerata, per raccontare questa storia. Alla fine il fatto in sé della tragedia, dal punto di vista sociale, politico, è stata affrontata in un modo originale perché ci hai presentato la storia del personaggio nella sua quotidianità, in quel che è, nel linguaggio che ho trovato molto funzionale, questa lingua viva, della persona, della gestualità, delle sue storie.

Massimo: è il lavoro dell’attore.

Alessandro: ho trovato molto interessante questa operazione, perché ci rende più consapevoli della realtà di questo fatto: ci è più vicino. Anziché prenderla in un’altra maniera, più complessa, più articolata da un altro punto di vista, più tragico, invece questa linea di quotidianità, di comicità addirittura a volte, questa lingua volgare, ci calano nel personaggio, nella sua essenza, nella sua storia più intimamente, si crea un’intimità. E quindi questo finale che arriva è più nostro. Poi volevo far notare che una cosa che secondo me non funziona completamente è l’andatura, soprattutto del centro dello spettacolo, perché a volte vedo che ci sono dei meccanismi che si ripetono molte volte: della narrazione, del ricordo di qualche cosa o del gioco tra persona che non c’è e persona che c’è. A volte c’è una specie di ridondanza su questo. Volevo fare questa nota. Però è uno spettacolo che ho apprezzato molto per la sua onestà, per la sua reale esigenza di dire qualcosa, di mostrarci qualcosa che sia utile alle persone e alla storia.

Massimo: se scegliamo di raccontare è perché sentiamo il bisogno e la necessità innanzi tutto, perché se non hai bisogno e necessità: non raccontare. Quindi la prima regola è sentire il bisogno e la necessità. Ti rispondo subito sul fatto del ridondante della ripetizione: quando tu vivi nell’attesa e c’hai dei personaggi, degli animali, quelli che siano, vivi nella quotidianità: dico “dai non fare e lo rifà”. È voluto apposta, drammaturgico, è stato fatto apposta. Non mi voglio giustificare, per carità, ognuno ha i suoi pareri. Ma è una cosa voluta apposta perché tu vivi l’attesa che arrivi una persona, il santo. Nell’attesa può accadere tutto, possono anche ripetersi delle cose. Cosa è per noi l’attesa? C’è stato questo.

Giuliana: da quello che lei ha detto, la mia è un’osservazione e anche una domanda. Sembrerebbe che lo squilibrio mentale di Pinuccio sia stato causato da un senso di colpa o da un rimorso per non aver aiutato i suoi compagni, per non aver avuto questo coraggio. Ma la mia impressione invece è che Pinuccio abbia paura del lavoro, non di quel lavoro, ma di tutti i lavori: di lavoro come causa di morte. Lui finge di essere un invalido, la mia impressione è che lo faccia per evitare nuovamente quel mondo. Questa è una mia impressione.

Massimo: per carità, nulla da censurare, è un’osservazione, un’impressione: ognuno si fa il suo film, ognuno la vede a modo suo ed è giusto che sia così.

Paolo: in qualche momento tu riesci a percepire questo racconto in tempo reale, poi si distacca verso la fine e c’è la piazza e il racconto, però trattandosi di un monologo a tre voci, più voci…

Massimo: più voci.

Paolo: più voci, sì adesso no riesco ad individuare bene il numero di personaggi; questa impostazione realista va un po’ a perdere e quindi può diventare abbastanza tedioso per lo spettatore, questa ridondanza di cui parlava Alessandro prima. Tuttavia vorrei dei chiarimenti soprattutto dal punto di vista estetico: del panino. Quando tu mangi il panino e lo rigetti è come se …

Massimo: ti stai rispondendo da solo, lo rigetto.

Paolo: c’è qualcosa di…cosa succede al panino?

Massimo: il panino è l’unico pranzo durante la giornata.

Paolo: e perché non riesci a mangiarlo?

Massimo: perché mi rimane in gola, lo butto, lo vomito, perché adesso racconto la verità.

Paolo: ah, sempre per quella proiezione fisica

Massimo eh certo!

Paolo: poi tu inizi lo spettacolo come lo finisci, nello stesso modo, io vorrei capire…

Massimo: non ti sto capendo io, scusami…

Paolo: inizia con un borbottare…

Massimo: certo perché lui ha questa immagine della morte dei cinque, ed è come riavvolgere un nastro indietro. Cosa vuole Pinuccio? Riavvolgere indietro il nastro della storia. Quindi parte riavvolgendo il nastro e partendo dalle basi, per arrivare, grado per grado, grado per grado…inizialmente lo spettatore dice “ma che stai dicendo, che mi stai raccontando? Io sono venuto qui per sentire le morti sul lavoro che me ne frega della signora Maria…”: e il teatro è fatto di sorprese. Questo da un punto di vista drammaturgico.

Paolo: a me ha colpito molto questo…

Massimo: la sorpresa?

Paolo: no il fatto che il personaggio dice ad un certo punto “mi sveglio, non è cambiato niente” e alla fine dello spettacolo il protagonista chiude la rappresentazione come l’ha iniziata. Quindi non è cambiato nulla anche dopo la confessione.

Massimo: come non è cambiato nulla?

Paolo: perché si chiude nella stessa maniera in cui è iniziata. Non è cambiato niente in lui, vuol dire che lui non né libero adesso?

Massimo: è libero ora…per me è libero. Una volta che hai detto la verità che cos’altro vuoi dire più?

 

Annunci

Read Full Post »

Dal 7 al 12 settembre 2010 presso il Teatro delle Molliche in via ruvo 32, Corato, si svolgerà la rassegna “Domino, giornate di teatro per bambini e ragazzi“, con la direzione artistica del Maestro Francesco Martinelli.


PROGRAMMA


Martedì 7 settembre

ARCOBALENI – Teatro Le Giravolte di Aradeo
Con
Francesco Ferramosca; Scenografie: Amelia Sielo; Audio/luci: Silvia Falco
età minima consigliata da 4 anni

L’attore-animatore utilizza le tecniche del teatro di figura, burattini, sagome e oggetti di scena, per narrare mondi fantastici. Lo spazio scenico di storia in storia si trasforma in un grande luogo immaginario con linee di colori,  forme e oggetti  che prendonoraccontano in breve: la storia del piccolo re dei fiori, del lupo, l’agnello e il leone, del  Principe Acmeth e le marachelle  di un giovane buontempone  inframmezzate da filastrocche musiche e canzoni di Rodari… Piccole storie per raccontare emozioni, immagini rapide che  possono ancora sorprenderci.

Mercoledì 8 settembre

L’USIGNOLO E LA ROSA – Teatro delle Molliche di Corato
Con
Mariangela Graziano, Antonio Marzolla, Alessandra Mazzilli, Roberto Porcelli, Alessandra Sciancalepore;
Musiche:
Igor Stravinsky; Testo e regia: Francesco Martinelli
età minima consigliata da 8 anni

Un usignolo si ferisce al petto per tingere di rosso una rosa che il cuore innamorato di uno studente vuole regalare all’amata capricciosa e volubile, la quale preferirá gioielli e pietre preziose piuttosto che un fiore. Con questa coraggiosa riduzione teatrale dell’omonimo poema lirico di Oscar Wilde, si raccontare l’amore che trova  compimento nel sacrificio.
Gli attori attraverso il coinvolgimento e la passione, creano stupore e magia nei bambini impegnati a partecipare emotivamente.
E’ una buona occasione per raccontare storie di poesia e di dolcezza.


Giovedì 9 settembre

IL VOLO DEGLI UCCELLI – Il carro dei comici di Molfetta
Con
Pantaleo Annese, Matilde Bonaccia, Francesco Tammacco; Scenografia e pupazzi: Matteo Altomare, Gianluca de Pinto; Musiche: Federico Ancona; Testo e regia: Francesco Tammacco
età minima consigliata da 6 anni

Due cacciatori per depredare uno stormo di uccelli decidono di camuffarsi e di seguirli in volo, e proprio quando la loro caccia dovrebbe iniziare, la tenerezza destata da un fringuello che non riesce a spiccare il volo, fa cambiare i propositi dei cacciatori. Una favola nella quale l’amore per l’ambiente ed il rispetto della Natura, il volo, la ricerca di se stessi, diventano i puntelli della fascinazione teatrale. Inevitabili i riferimenti ad opere classiche come “Gli uccelli” di Aristofane e a “The conference of the birds” di Farid ad-din Attar.

Venerdì 10 settembre

L’OCA D’ORO – Compagnia Il canovaccio di Corato
Con
Margherita Curci, Angela Di Gioia, Annamaria Leo, Francesca Perrone, Giacomo Petrizzelli,
Tamara Tarricone, Michele Zucaro; Disegni: Francesca Perrone
età minima consigliata da 6 anni

Si raccontano le disavventure di Scemenzino che grazie all’aiuto di un vecchietto smarritosi sulla strada di casa, prima trova per caso un’oca d’oro e dopo aver superato una serie di prove ottiene la mano della principessa Matilda. Lo spettacolo, riduzione teatrale dell’omonima fiaba dei Fratelli Grimm, si distingue per una particolare innovazione dal punto di vista scenografico che possiamo definire come “scenografia virtuale”: le ambientazioni sono illustrate dettagliatamente in una guida data allo spettatore, lasciando alla fantasia e alle abilità mimiche degli attori il compito di definire ciò che appare invisibile.

Sabato 11 settembre

IL BARONE CHE VISSE DUE VOLTE – Compagnia PiCoTeMò di Barletta
Con
Carmen de Pinto e Francesco Sguera
età minima consigliata da 6 anni

Gli attori con i loro allegri pupazzi presentano un adattamento teatrale di “C’era due volte il barone Lamberto”, celebre romanzo di Gianni Rodari. Una favola moderna in cui esilaranti giochi linguistici arricchiscono una trama densa di colpi di scena.

Domenica 12 settembre

Laboratorio Teatrale
“I VIAGGI DI GULLIVER Esperienza di un sole e una luna”

Teatro delle Molliche
in collaborazione con il Laboratorio Permanente della Scuola delle Arti della Comunicazione

Il Laboratorio teatrale è rivolto ai bambini e ai ragazzi da 6 a 14 anni che hanno assistito almeno ad uno spettacolo di DOMINO ed è organizzato nel seguente modo:
• la partecipazione è  gratuita;
• la conduzione è affidata ad operatori qualificati;
• si svolge durante la giornata di Domenica in orari differenziati per fascia di età:
– dalle ore 9.30 alle 12.30  da 6 a 10 anni
– dalle ore 15.30 alle 19.30  da 11 a 14 anni;
• alle  ore 20.00 i partecipanti mettono in scena una performance finale ispirata al romanzo “I viaggi di Gulliver” di J. Swift;
• l’ingresso alla performance è riservato ai soli tesserati.

_____________________________

Orari esibizioni: Prima replica ore 18:00   –   Seconda replica ore 20:00
Non sarà consentito l’accesso ad esibizione iniziata.
L’ingresso per le persone da 15 anni in su è con tessera di € 40,00; ogni minorenne sino a 14 anni entra gratuitamente, ma necessariamente accompagnato da un tesserato.
Non è possibile acquistare biglietti.

TEATRO DELLE MOLLICHE
Via Ruvo, 32  –  70033 Corato (Ba)
Informazioni: cell. 3384234106    teatrodellemolliche@libero.it

Danilo Macina

Read Full Post »

La più importante rassegna culturale-letteraria del Mezzogiorno, dove il lettore incontra a tu per tu gli autori più discussi e letti del momento, nello splendido scenario delle terrazze a strapiombo sul mare e del più bel centro storico costiero pugliese.
La kermesse si svolgerà dal 14 al 17 luglio sulle incantevoli piazzette del centro storico di Polignano a Mare a partire dalle ore 21 di ogni sera.

Un’anticipazione degli autori dell’edizione 2010:
Jonathan Coe, Mishna Wolff, Edmund Conway, Monsignor Rino Fisichella, Raffaele Nigro, Sergio Rizzo, Pierluigi Battista, Vladimir Luxuria, Claudio Sabelli Fioretti, Andrea Romeo, Vauro, Camilla Baresani, Gaetano Cappelli, Giulio Ferroni, Domenico Starnone, Gabriella Genisi, Andrea Manni, Antonella Lattanzi, Alessandro Cattelan…e tanti altri!

Organizzato dalle Associazioni culturali Artes e dal Associazione Cartesio Licei, il titolo di quest’edizione sarà “Bacco, Nabucco e Venere – Gusto, arte, sensualità, mito, musica e moda”. Scrittori e giornalisti si confronteranno su diverse tematiche, tra i quali il giornalismo d’inchiesta e le tavole rotonde sull’economia, l’ambiente e la sicurezza del lavoro.
Ampio spazio verrà dato poi agli itinerari enogastronomici, al turismo culturale alle novità culturali e musicali.

Da non perdere le “interviste impossibili”, classico appuntamento con Dario Vergassola che, alla sua maniera ironica e pungente, incontra gli autori più interessanti sulla scena mediatica.

Una manifestazione in continua crescita per qualità e quantità e che proietta ormai la Puglia e il Mezzogiorno nel panorama nazionale delle rassegne letterarie. Mai come in questa edizione il Festival del libro possibile terrà fede al suo obiettivo di proporre stili, generi, autori, i temi i più diversi per offrire davvero ogni “possibile” approccio alla lettura.

IL LIBRO POSSIBILE
IX edizione del festival culturale-letterario
Polignano a Mare (Ba), 14-17 luglio 2010
Ingresso Gratuito – Ogni sera dalle 21.00

Fonte: www.libropossibile.com

Read Full Post »

RASSEGNALOGO

2 giugno 2009

Conclusa la rassegna con i ragazzi dell’Istituto Statale d’Arte di Corato. In scena “l’Esperimento” da un racconto di Cinzia Zungolo.

Non ci resta che salutare tutti gli allievi che hanno animato questa splendida cornice di teatro (fatto da ragazzi, ma assolutamente per un pubblico da 4 a 100 e più anni).

Grazie a tutti per questo regalo che ogni anno ci concedete, dimostrando, da allievi, la forza, la serietà, la passione e l’entusiasmo che profondete nel vostro “lavoro” e che speriamo vi accompagni sempre.

Danilo Macina

Read Full Post »

RASSEGNALOGO

29 maggio 2009

Secondo appuntamento con la Rassegna di Teatro Studentesco, questa sera alle 21.00. In scena vedremo esibirsi, in un atto unico, gli studenti della 5^ classe del Liceo Scientifico “NUZZI” di Andria.

Dal 2000 il Liceo ha intrapreso una particolare attività teatrale, quella che va sotto il nome di “Club”; gli studenti insieme al loro docente, individuano ogni anno un argomento di storia o di filosofia, lo approfondiscono e ne fanno venir fuori un breve atto unico. La scorsa edizione la scuola si è presentata con “Caffè Voltaire”.
Quest’anno, ricorrendo il 400° anniversario dell’uso scientifico del cannocchiale e il 40° anniversario dello sbarco sulla luna, sul palco potremo vedere dialogare, tra gli altri, personaggi come Galilei, Leopardi, Scarpetta, Twain, Marinetti, Sobel, Kennedy, Armstrong, mettendo in scena “Il Club della Luna”. L’esibizione sarà accompagnata anche dalla Luna Crescente, la Luna Piena e la Luna Decrescente, oltre ad una singolare band, “gli straLunati”.
Con parole e musica quindi si parlerà di scienza, religione e sogni.

Liceo Scientifico “NUZZI” di Andria
Il Club della Luna

Chiostro Palazzo di Città – Corato (Ba)
Porta ore 20,45 / Sipario ore 21,00

Danilo Macina

Read Full Post »

And we’re still waiting…

Questo è il momento delle attese. Eterni istanti di pura e crescente attesa… Ma attesa di cosa, esattamente? Tutti aspettano, siamo destinati ad aspettare in eterno qualcosa che non arriverà. E’ come aspettare tanto tempo un autobus che ha cambiato direzione e tu non lo sai, dalla tua fermata non passerà. Io aspetto di crescere, altri aspettano di morire o, perché no, di imparare a vivere. Un bambino aspetta di nascere e il sole e la luna aspettano di sorgere o tramontare. Vladimiro e Estragone aspettano un certo signor Godot. Tutto è incerto, l’attesa è perenne… E’ più una metafora della stessa vita e magari dell’apatia dell’uomo. Non si sa più aspettare, siamo così abituati ad avere tutto e subito che attendere è troppo difficile. Anche l’attore, in neutro, aspetta di compiere dei movimenti o di entrare in scena dietro il nero delle quinte. Tutti nella loro vita aspettano un Innominato, un personaggio che, con il suo arrivo, possa cambiare il corso degli eventi. O si illudono che sia così. A volte si dice che si aspetta anche solo per poter interrompere il flusso della banalità quotidiana che non cessa mai e per non essere risucchiati si aspetta. La frenesia della vita quotidiana non è altro che un quadro confuso dentro un’assurda pinacoteca e chi attende si fa unico spettatore di tutto.
“And they’re still waiting…” “E stanno aspettando ancora…”. Non si smette mai, bisogna aver pazienza. Ma le mie sono divagazioni sull’attesa! Finalmente si è aperta la rassegna e in questa atmosfera fiabesca inizia una nuova avventura per tutti, pubblico compreso…

Alice

Read Full Post »

28 maggio 2009

La prima giornata della nona edizione della Rassegna di Teatro Studentesco “Città del Dolmen” di Corato è iniziata con il saluto del direttore artistico Francesco Martinelli, del sindaco di Corato Luigi Perrone e dei docenti e tutor dellle scuole ospiti.

SINDACO

Entrata poi nel vivo, la rassegna ha visto protagonisti sul palco i ragazzi di due scuole, l’Istituto Professionale “Lotti” di Andria con “Aspettando Godot” e l’Istituto Tecnico “Tannoia” di Corato con “Il Flauto Magico”. I due gruppi si sono esibiti nelle gustose piece teatrali in lingua (inglese, francese e tedesco), ricche di coreografie e costumi.

ASPETTANDO GODOT

ASPETTANDOGODOT1

ASPETTANDOGODOT2

IL FLAUTO MAGICO

FLAUTOMAGICO1

FLAUTOMAGICO2

Fatto assai raro è l’utilizzo di una lingua non “madre” nell’esecuzione di spettacoli teatrali, cosa questa che dà lustro e spessore alla rassegna che, ormai giunta al nono anno di età, si dimostra matura per raggiungere ben più alti obiettivi.

Lo dice il direttore artistico, il maestro Francesco Martinelli, lo conferma il sindaco di Corato Luigi Perrone, lo auspicano i docenti ed i tutor delle scuole.

Tutti concordi, guardano al futuro e vedono una rassegna in crescita:

  • il bacino di utenza (attualmente provinciale) a respiro regionale o, perché no, nazionale, e con la partecipazione di molte più scuole;
  • gli spazi della rassegna, passando dall’attuale chiostro del Palazzo di Città al Teatro di Corato (che nelle parole del sindaco sarà il luogo della prossima edizione della Rassegna “Città del Dolmen”);
  • l’ampliamento del Teatro in Lingua (così come rivendicato dai dirigenti dell’Istituto Tecnico “Tannoia” di Corato e dell’Istituto Professionale “Lotti” di Andria).

Alla fine della serata, gli spettatori, a dire il vero un po’ confusi e straniti dalla lingua non propriamente comprensibile, hanno apprezzato ed applaudito le esibizioni e l’entusiasmo dei ragazzi.

Danilo Macina

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: